Posts Tagged 'movimenti'

L’acqua è un diritto umano: firma anche tu!

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua appoggia e promuove l’Ice (cioé l’Iniziativa dei Cittadini Europei) sull’acqua pubblica, presentata da Epsu (Sindacato Europeo dei Servizi Pubblici).

Infatti, così come in Italia, in molti paesi europei l’acqua non è considerata un diritto ma una merce, oggetto di compravendita, mezzo di profitto. Continua a leggere ‘L’acqua è un diritto umano: firma anche tu!’

Quando le istituzioni hanno paura della loro ombra

foto di Sergio Golinelli

Lunedì scorso in Consiglio Comunale a Ferrara è successo un gran caos. Il Consiglio Comunale doveva riunirsi e fra le varie cose discutere di un Ordine del Giorno sull’applicazione del secondo referendum sull’acqua (quello sulla remunerazione del capitale) presentato dalla consigliera di Rifondazione Irene Bregola.

Continua a leggere ‘Quando le istituzioni hanno paura della loro ombra’

Occupy Everything: w il decentramento delle mobilitazioni

illustrazione di Hey Monkey Riot (http://heymonkeyriot.blogspot.com)

Passato il 15 ottobre ci restano le foto sui giornali che riprendono lanci di estintori, una camionetta che brucia, vetrine spaccate e scheletri di macchine bruciate.

Ovviamente nessuno ricorda i contenuti, e mi viene il dubbio che se andassimo a chiedere a chi non è addentro ci sentiremmo rispondere che la manifestazione altro non era che un ritrovo di “no global” o forse era un post derby Roma-Lazio.

Certo, fa più notizia e resta indubbiamente meglio impresso nella memoria il lancio di un estintore da parte di un giovane (peraltro immortalato in una bella foto plastica) piuttosto che la pacifica manifestazione sui monti della Val di Susa di una settimana dopo. E un bel po’ di colpa ce l’ha anche la stampa, come nota bene Alessandro Somma nel suo blog.

Un po’ di errori però li ha fatti anche il movimento. Anzi i movimenti.

 

Continua a leggere ‘Occupy Everything: w il decentramento delle mobilitazioni’

Manovre stupide e Movimenti intelligenti

Maggioranza e opposizione sono d’accordo: per uscire dalla crisi bisogna, da un lato, tagliare stato sociale e sussidi alle imprese e, dall’altro, privatizzare (che in casi come questi significa svendere).

Slavoj Žižek, filosofo sloveno, nel suo Dalla tragedia alla farsa (ed. Ponte alle Grazie, 2010) smaschera non soltanto l’atteggiamento autolesionista delle classi subalterne al capitale, ma comprendere il perché della sua forza: “la capacità di auto generarsi e posticipare il collasso finale”.

Già, e pare proprio questo il risultato della manovra italiana “lacrime e sangue”, sponsorizzata sul IlSole24Ore da Perotti e Zingales. Peccato che, citando gli autori, non ci sia tempo per manovre intelligenti si sia deciso di farne una stupida. Allo stato attuale si svendono i servizi pubblici e non si riuscirà comunque ad azzerare il deficit, perché pur non emettendo nuovi titoli, si dovrà rinegoziare quelli in scadenza (per cui la palla passerà alla finanza e alle società di rating, che decideranno i tassi e che saranno certo superiori).

E prima o dopo il default arriva.

Continua a leggere ‘Manovre stupide e Movimenti intelligenti’


Follow me on Twitter

Archivi